Migrazione SEO

Come fare la migrazione di un sito web a livello SEO

Cos’è la migrazione SEO di un sito web?

La migrazione SEO è l’insieme di tutti gli interventi tecnici da effettuare su un sito web in cui si è deciso di rifare il sito, cambiare la piattaforma su cui è ospitato, il nome del dominio o un passaggio da HTTP a HTTPS al fine di preservare il posizionamento SEO, garantire il mantenimento dell’autorevolezza ottenuta nel corso del tempo e del traffico in ingresso proveniente dai motori di ricerca.

Migrare un sito web è una delle attività più complicate e delicate da effettuare e purtroppo nella maggior parte dei casi è sottovalutata. Per poter effettuare una corretta migrazione SEO occorrono ottime competenze tecniche che solo un Seo Specialist esperto può garantire.

Capita con frequenza imbarazzante di dover mettere mano a siti web appena rifatti che non hanno preso in minima considerazione tutte le possibili conseguenze del posizionamento del sito web sui motori di ricerca. Perdere gran parte del traffico, potrebbe rivelarsi per qualsiasi tipo di attività estremamente dannoso se non fatale, per cui bisogna prestare la massima attenzione prima di decidere di effettuare una migrazione di qualsiasi tipo.

Migrare un sito web però può rappresentare non solo un grande rischio ma in alcuni casi anche una grande opportunità di crescita. A prescindere dal tipo di migrazione è di fondamentale importanza pianificare e controllare in modo minuzioso e sofisticato ogni singola fase di questo delicato processo.

Quali sono i tipi di migrazione di un sito web più comuni?

Le tipologie di migrazioni di un sito web che si possono effettuare sono le seguenti:

  • cambio del nome del dominio
  • cambio del top-level domain TLD (ad esempio da nomedominio.it a nomedominio.com)
  • passaggio da una versione mobile a una responsive
  • modifica degli url
  • ristrutturazione dell’architettura del sito
  • eliminazione o unione di categorie e contenuti
  • riprogettazione di un sito web
  • passaggio dal protocollo http al protocollo sicuro HTTPS
  • trasferimento verso un nuovo provider
  • cambio di un nuovo CMS
  • passaggio da multi-dominio a dominio singolo
  • unione di due siti a seguito di un’unione societaria

In quale periodo conviene effettuare una migrazione di un sito web?

La migrazione di un sito web è corretto eseguirla in un periodo temporale:

  • il cui traffico è fisiologicamente più basso per ragioni di stagionalità
  • non fondamentale ai fini del business della propria attività

Come fare la migrazione di un sito web correttamente?

Per poter effettuare una corretta migrazione di un sito web senza compromettere il posizionamento SEO e la visibilità sui motori di ricerca occorre eseguire una lista di attività prima, durante e dopo la migrazione.

Di seguito i principali punti da eseguire per una corretta Migrazione SEO divisi in tre fasi principali:

Pre-migrazione SEO

  • analisi SEO on-site del vecchio sito
  • analisi off-site del vecchio sito
  • creazione architettura del sito
  • redirect di ogni singolo url
  • gestire al meglio gli errori 404
  • generare la nuova sitemap del sito
  • generare il nuovo file robots del sito

Migrazione SEO

  • verificare i puntamenti DNS
  • controllare reindirizzamenti
  • controllare tracciamenti
  • controlli su Google Search Console

Post-migrazione SEO

  • analisi SEO on-site del vecchio sito
  • controlli in tempo reale dei codici di monitoraggio
  • eseguire un crawling del nuovo sito
  • controllare l’indicizzazione di ogni singola pagina del nuovo sito
  • controllare la presenza di mixed content
  • segnalare la sitemap del nuovo sito
  • monitorare il traffico, la visibilità e il comportamento

Dopo la migrazione, si verifica sempre una fase di assestamento con relative oscillazioni in SERP (Search Engine Results Page, le pagine dei risultati del motore di ricerca) perchè gli spider dei motori di ricerca devono avere il tempo necessario per scansionare ed elaborare gradualmente tutte le pagine e i contenuti del nuovo sito.

Quali sono i tempi necessari per vedere i primi risultati dopo una migrazione del sito web?

Per un sito piccolo è necessario un periodo di attesa che va dalle 4 alle 6 settimane per vedere i primi risultati significativi.

Per un sito più grande o e-commerce, sono necessari non meno di due-tre mesi prima divedere i primi risultati significativi e stabili.

A prescindere dalla grandezza del sito se la migrazione SEO del sito è stata eseguita in modo corretto con una strategia di posizionamento SEO efficace, la fase di assestamento del nuovo sito avrà una durata inferiore. Hai bisogno di una consulenza SEO per la migrazione del tuo progetto? Affidati ad un professionista del settore per sviluppare insieme una strategia adeguata di migrazione sulla base delle tue necessità.

Non bisogna lasciare nulla al caso, ma seguire in modo meticoloso ogni fase della migrazione, per evitare errori di usabilità e di indicizzazione, un singolo errore potrebbe compromettere il posizionamento organico del sito nei motori di ricerca.

Devi fare una migrazione SEO per un tuo progetto?